Annalisa Di Luzio e Tobias Bert

Insegnano il tango presso Circolo Gardel a partire dalla stagione scolastica 2021-2022.

ANNALISA DI LUZIO
– Inizia a occuparsi di Tango argentino nel 1990
– Dopo diversi viaggi di studio a Buenos Aires, in coppia con Tobias Bert, intraprende la carriera di insegnante e ballerina professionista,.
– Come insegnante, ballerina, coreografa, direttrice artistica, organizzatrice e ideatrice di eventi di Tango, e come tango dj, ha lavorato presso prestigiose scuole di danza, teatri e festival di Tango a:
Lyon, Lille, Grenoble (Francia), Gent (Belgio), Zurigo, Losanna (Svizzera), Innsbruck, Feldenkirch (Austria)
Wangen (Germania), Mosca, San Pietroburgo (Russia), Torino, Milano, Trieste, Padova, Mantova, ReggioEmilia, Trento, Riva del Garda, Ancona, Firenze, Grosseto, Pisa, Perugia, Roma, Pescara, Termoli, Bari, Lecce, Taranto, Napoli, Palermo, Messina, Isole Eolie, Reggio Calabria
– Dal 1997 al 2010 è stata direttrice artistica del “TangoMania SummerFestival” di Sasso Marconi, celebre convention di musicisti e ballerini provenienti da tutto il mondo.
– Con Tobias Bert si è esibita ballando nei teatri accanto a celebri coppie del Tango, come Esteban Moreno e Claudia Codega, Javier Rodriguez e Geraldine Rojas, Roberto Reis e Guillermina Quiroga, Gabriel Angiò e Natalia Games, Roberto Herrera e Natasha Poberai, Sebastian Arce e Mariana Montes.
– Nel 2004, con Tobias Bert è stata invitata a insegnare e ballare nel prestigioso “World Tango Festival” di Buenos Aires.
– Ha ballato, insegnato e collaborato con i maestri di fama nazionale e internazionale: JORGE FIRPO, DANIEL ESCOBAR, JUAN RUGGERI, FABRIZIO CHIODETTI (Lyon)
– Nel 2008 ha elaborato un metodo originale di allenamento sulla Tecnica di tango con specifici esercizi e movimenti in sequenza, il metodo esclusivo TANGOTRAINING

TOBIAS BERT
– Tobias Bert è ballerino, maestro e coreografo professionista dal 1989.
– Nato a Freiburg i.Br. (Germania), si trasferisce in Italia nel 1984, dopo una lunga attività agonistica nei balli standard e latinoamericano.
– Dal 1988 si specializza in Tango Argentino e nel 1990, con Annalisa di Luzio, fonda a Bologna “La Milonga”, prima scuola stabile di Tango in Italia, punto di riferimento internazionale per ballerini, coreografi e musicisti.
Come insegnante, ballerino, coreografo, direttore artistico e ideatore di eventi ha lavorato presso prestigiose scuole di danza, teatri e festival di Tango nelle seguenti città: · Lyon, Lille, Grenoble (Francia), Gent (Belgio), Zurigo, Losanna (Svizzera), Innsbruck, Feldenkirch (Austria), Wangen (Germania), Mosca, San Pietroburgo (Russia), Torino, Milano, Trieste, Padova, Mantova, ReggioEmilia, Trento, Riva del Garda, Ancona, Firenze, Grosseto, Pisa, Perugia, Roma, Pescara, Termoli, Bari, Lecce, Taranto, Napoli, Palermo, Messina, Isole Eolie, Reggio Calabria

– Tobias ha collaborato con i grandi del Tango Argentino, come
Juan Carlos Copes, Gloria e Eduardo Arquimbau
– In coppia con Annalisa di Luzio, si è esibito ballando in palcoscenico insieme a celebri coppie del Tango, come Esteban Moreno e Claudia Codega, Javier e Geraldine Rojas, Roberto Reis e Guillermina Quiroga, Gabriel Angiò e Natalia Games, Roberto Herrera e Natasha Poberai, Sebastian Arce e Mariana Montes.
– Dal 1997 con Annalisa di Luzio crea il celebre “Tangomania Summerfestival”, che con le sue 14 edizioni diventa un importante punto di incontro per ballerini, maestri e musicisti di tutto il mondo.
– Nel 2004 Tobias, con Annalisa di Luzio, è invitato come maestro e ballerino del “3rd World Tango Festival” di Buenos Aires, unica coppia non argentina a ricevere questo importante riconoscimento.
– Dal 2008 balla in coppia con Loredana De Brasi. Insieme fondano la compagnia “DBB Tango”.
– Nel 2008 Tobias diventa ballerino e coreografo nella compagnia “Naturalis Labor”, con cui realizza numerosi spettacoli in Italia e all’estero, fino al 2018.
– Nel 2011 partecipa alla tournée del cantante Biagio Antonacci, esibendosi sul brano dal ritmo tanguero “Alessandra” in location prestigiose come l’Arena di Verona e Piazza San Marco a Venezia.

Lourdes Daniela Garrone e Radu Gabriel Tanasescu

Insegnano il tango a Modena presso il Circolo Gardel dal 2021.

“La meraviglia del tango risiede nella sua musica, fonte di ispirazione e continua scoperta; il tango apre le menti ed i cuori e predispone all’ascolto. Il profondo ascolto reciproco e, insieme, della musica, consente l’improvvisazione, che è l’affascinante bellezza di questa danza. E’ tutto qui.”

Daniela inizia a studiare danza classica all’età di 5 anni. Nel 1994 dopo aver studiato in una scuola privata, viene selezionata per la scuola nazionale di danza a Montevideo in Uruguay.
Durante i suoi studi di danza classica, inizia a studiare tango all’età di 15 anni con i maestri Gloria e Rodolfo
Dinzel fondatori dell’università del tango a Buenos Aires (Argentina), approfondendo la conoscenza del
metodo Dinzel.
A 17 anni viene selezionata per lo spettacolo di tango scenario e tango salon “Las Dos Caras Del Tango” ,
realizzato in diversi teatri di Buenos Aires e Montevideo, diretti da Gloria e Rodolfo Dinzel e Maria Ines
Camou. Nello stesso anno viene chiamata in tournee per i maggiori tetari uruguaiani per lo spettacolo “Maria De Buenos Aires” diretto Maria Ines Camou. Partecipa anche alla produzione “Homenaje a Piazzolla”

Nel 2002 vince una borsa di studio di danza classica dell’Unesco, si trasferisce in Italia alla scuola “Liliana
Cosi & Marinel Stefanescu” in Reggio Emilia.
Durante i suoi studi collabora con diverse compagnie di danza classica e contemporanea.
Nel 2004 entra nella compagnia “Gelabert Azzopardi” a Barcellona (Spagna) al teatro Barcelò.
Nei 3 anni di lavoro approfondisce la tecnica del tango con diversi maestri argentini residenti a Barcellona.
Tornata in Italia nel 2007 continua a lavorare come ballerina classica ed inizia il suo percorso di insegnante
di tango seguendo corsi di aggiornamento con il maestro Osvaldo Roldàn.
In questi anni continua il suo studio del tango con Mariana Montes, Sebastian Arce , Joe Corbata e Lucila
Cionci e partecipa a numerosi spettacoli di tango , tra i quali nel 2017 “Un Tango per Rossini” a
Pesaro , diretto da Sebastian Arce e Marianna Montes.
Nel 2018/2019 ha collaborato con Mario Bournissen alla milonga del circolo “El Gardel” a Modena.
Dal 2017 al 2019 lavora per il teatro Ariston di San Remo portando diversi spettacoli di tango per le
produzioni di Silvio Tromba e Miriam Eliot.
Nel 2018/2019 insegna a Salerno in diverse Milongas con il maestro Adriano Mauriello.
Nel 2020 partecipa come ballerina di tango e contemporanea nello spettacolo “Revelaciòn” diretto da
Adriano Mauriello, realizzato in diversi teatri d’Italia, tra i quali Teatro Nuovo di Milano e teatro Luciano
Pavarotti di Modena.

Radu inizia a studiare il tango a Modena, nel dicembre del 2006, con l’insegnante Francesca Siso. Tra il 2007 ed il 2008 viaggia a Buenos Aires dove approfondisce la tecniche fondamentali con Graciela Gonzales. Da novembre 2007 inizia a musicalizzare e lo studio costante del trango come genere musicale lo avvicina maggiormente all’insegnamento.

A partire dal 2007 frequenta assiduamente, sia in Italia che a Buenos Aires, lezioni private, seminari e percorsi tematici con maestri come Gustavo Naveira e Giselle Anne, Pablo Veron, Roberto Herrera, Carlos Perez e Rosa Forte, Julio Balmaceda e Corina de la Rosa, Sebastian Arce e Mariana Montes, Alejandro Larenas e Marisol Morales, Sebastian Achaval e Roxana Suarez, Mariela Sametband, Alberto Colombo, Cesira Miceli, Chenkuo Che, Oriel Toledo e Maria Azahara Cruz, Juana Sepulveda e Chicho Mariano Frumboli.

A partire dal 2010 ha insegnato a Modena, Carpi, Correggio e Bologna. Attualmente, insegna al Circolo Gardel e all’associazione Spazio Tango Bologna.

Cosa dicono del loro tango:

La meraviglia del tango (come ballo) risiede nella sua musica, fonte di ispirazione e continua scoperta. Il tango apre le menti ed i cuori e predispone all’ascolto. La connessione nel tango inizia quindi con l’ascolto della musica e la ricerca visiva (mirada) della persona con la quale condividerla, per culminare nella sua forma fisica di abbandono nell’abbraccio e la camminata. Il profondo ascolto reciproco consente l’improvvisazione, che è la bellezza sorprendente e affascinante di questa danza. E’ tutto qui.

Il nostro approccio all’insegnamento vuole mantenere la naturalezza di questi elementi attraverso il rafforzamento della consapevolezza corporale.

Oltre alla naturalezza, cerchiamo di far scoprire ai nostri allievi l’eleganza del movimento, inserendo nel tango tradizionale la versatilità degli elementi dinamici moderni.

Materiale non scaricabile, ci scusiamo.
Share This